home 2024

VENETIAN SMART LIGHTING AWARD 2024

Anche quest’anno ritorna, per la IX edizione consecutiva, il premio VENETIAN SMART LIGHTING AWARD che dal 2015 riconosce e valorizza la qualità dei migliori prodotti e soluzioni lighting realizzati dalle aziende della Rete e del territorio veneto.

I partecipanti al premio VSLA 2024 potranno candidarsi scegliendo tra 5 categorie, nelle quali verrà premiata l’abilità delle aziende nel rispondere alle esigenze del settore contract, alle capacità di design per nuovi prodotti da lanciare nel mercato e la ricerca dell’innovazione nei materiali e tecnologie, in particolare per la realizzazione di lampade portatili. Un premio speciale verrà riservato ai prodotti di grande fascino che uniranno la luce con l’arte e la cultura del vetro.

La Giuria quest’anno sarà composta da lighting designer e altre personalità di spicco legate al mondo della luce, che avranno il compito di valutare non solo gli aspetti estetici dei prodotti candidati ma anche le loro funzionalità come apparecchi di illuminazione a 360°.

I vincitori del premio verranno annunciati durante la Cena di Gala, quest’anno ospitata a Venezia nella meravigliosa cornice del palazzo Ca’ Tron. Nel corso della serata verrà assegnato anche il premio “Silvano Oldani” per la miglior capacità di comunicazione.

CATEGORIE

1.  Migliore lampada decorativa per uso contract

Per “lampada decorativa per uso contract” si intende un apparecchio di illuminazione a catalogo con funzione decorativa da interni/esterni per progetti contract nel settore hospitality (strutture alberghiere, ristorative, bar, pub, cafè, etc.), oppure realizzato su misura per specifico progetto

2. Migliore lampada decorativa di design

Per “lampada decorativa di design” si intende un apparecchio di illuminazione con funzione decorativa da interni/esterni, progettata anche in collaborazione con designer e in forme esteticamente idonee in rapporto alla funzionalità dell’oggetto, che presenti evidenti caratteristiche di design ed elementi di novità;

3. Migliore lampada per uso speciale

Per “lampada per uso speciale” si intende un apparecchio di illuminazione sia da interni che da esterni che non abbia un uso prettamente decorativo. Possibili, ma non esaustivi, esempi sono: apparecchi di illuminazione per uso architetturale, uso stradale, uso ospedaliero, etc.;

4. Migliore lampada portatile e ricaricabile

Per “lampada portatile ricaricabile” si intende un apparecchio di illuminazione versatile, da tavolo oppure da terra (non necessariamente limitata a questi usi), ricaricabile, senza fili, da interni/esterni. Alle aziende partecipanti sarà richiesta la disponibilità a fornire, per illuminare l’evento di gala nel giardino del palazzo Ca’ Tron uno o più modelli delle loro lampade candidate.

5. Special prize: L’arte del vetro

Per “l’arte del vetro” si intende ogni lavorazione artistica del vetro per la realizzazione di lampade (in qualsiasi tecnica) che esplori le possibilità artistiche del materiale migliorandone la qualità in un connubio tra tradizione, ricerca e sperimentazione.

Premio stampa “Silvano Oldani”

Il premio Oldani, riproposto anche in questa edizione, vuole ricordare la figura di Silvano Oldani (1948-2022), appassionato ed elegante conoscitore di arte e cultura, già direttore della rivista LUCE e giurato nelle edizioni 2018, 2019 e 2022 del Venetian Smart Lighting Award.
Una giuria qualificata costituita da giornalisti e pubblicisti del settore, valuterà la capacità di comunicazione delle aziende che risulteranno finaliste nelle 5 categorie.

PARTECIPA AL PREMIO

REGOLAMENTO

La partecipazione al Venetian Smart Lighting Award è gratuita e implica l’accettazione del regolamento

SCARICA IL REGOLAMENTO

 CARICA I PRODOTTI CANDIDATI

Ogni azienda partecipante può presentare un massimo di 4 prodotti. Le candidature possono essere inviate tramite il form cliccando sul pulsante INVIA CANDIDATURA.
INVIA CANDIDATURA
Deadline: 21 giugno 2024

GIURIA 2024

La giuria è composta da lighting designer e altre personalità legate al mondo della luce, che valuteranno non solo gli aspetti estetici dei prodotti candidati ma anche la loro funzionalità come apparecchi di illuminazione a 360°.

Bianca Tresoldi

Lighting designer indipendente, da oltre 30 anni, si occupa di progettazione, rivolta all’illuminazione per spazi architettonici, sviluppando progetti per committenze pubbliche e private.
Nel 2000 fonda lo Studio Bianca Tresoldi lighting designer a Milano e nel 2014 si sposta sul Lago Maggiore a Lesa (NO)
La passione per la luce è nata studiando arte al liceo trasformandosi in professione dopo il percorso formativo in architettura d’interni.
Dal 2024 ricopre la carica di presidente APIL.
Ama la composizione estetica dei luoghi, i segni pensati con coscienza e armonia responsabili della qualità ambientale in cui vivono gli esseri viventi. Visionaria di un mondo migliore, convinta che il contributo di ogni singola persona è essenziale per il cambiamento.

Laura Bellia

Laura Bellia è professore ordinario di FisicaTecnica Ambientale presso l’Università di Napoli Federico II.
Svolge attività di ricerca sull’illuminazione, in particolare su sistemi di integrazione luce naturale/elettrica, comfort visivo, effetti non visivi della luce, illuminazione per i beni culturali.
È presidente dell’Associazione Italiana di Illuminazione (AIDI) per il biennio 2023-2025, membro del Governing Board della Commission Internationale de l’Èclairage (CIE) per il quadriennio 2023-2027, dove presiede comitati tecnici e svolge funzioni di Segretario della Divisione 6 (Photochemistry and Photobiology) .
È membro del Consiglio Direttivo di Lux Europa. Svolge attività di referaggio per numerose riviste internazionali di settore ed è autrice di oltre 150 pubblicazioni scientifiche su riviste ed atti di convegno.

Roberto Beraldo

Roberto Beraldo (1963) Architetto, laureato allo IUAV nel 1989 con una tesi su Barcellona nell’ambito di un programma Erasmus all’ETSAB. Dopo alcune collaborazioni professionali a New York, Bata (Guinea Equatoriale), Milano, Trieste, è cofondatore dello studio beraldo&marras architetti associati, attivo dal 1993 nei campi della progettazione architettonica, della riqualificazione urbana, dell’urbanistica e dell’interior design.
L’impegno sui temi della cura del costruito, della conservazione e della valorizzazione del patrimonio storico ed esistente, la ricerca progettuale continua per la nuova costruzione, l’attenzione alla progettazione integrata ad ogni livello, è sviluppato in parallelo alla progettazione urbanistica di programmi complessi di trasformazione e rigenerazione del territorio.
Unitamente alla professione conduce l’impegno politico nel ruolo di Presidente dell’Ordine Architetti PPC di Venezia e di Vice Presidente della Fondazione APPC Venezia.

Alberto Pasetti Bombardella

Veneziano, laureato in Architettura nel 1990 con Lode presso lo IUAV con tesi in museografia, negli anni seguenti approfondisce tematiche in ambito di allestimenti museali in California presso il Getty Conservation Institute e all’Università SCIARC di Los Angeles.
Dal 1998 la sua attività professionale è rivolta alla consulenza con l’omonimo STUDIO PASETTI lighting aperto a Treviso. L’attività dello studio è prevalentemente orientata al settore sperimentale, nonché allo studio e ricerca di soluzioni innovative nel rapporto tra spazio e luce, fisiologia della percezione visiva e valorizzazione dei Beni Culturali.
Dal 2002 al 2012 ha tenuto il corso di Lighting Design presso la Facoltà di Design e Arti dello IUAV e ha pubblicato numerosi scritti specialistici tra i quali “Luce e spazio nel Museo d’Arte “ Edifir, e “Luci per esporre” Marsilio, e collabora tutt’ora con la rivista LUCE, dell’associazione AIDI, per l’approfondimento di tematiche disciplinari e scientifiche.

Alberto Bassi

Alberto Bassi si occupa di storia e critica del design ed è professore all’Università Iuav di Venezia.
Coordina il curriculum interior design del corso di laurea in disegno industriale e multimedia e fa parte del comitato scientifico dell’Archivio Progetti Iuav.
Collabora con riviste di settore – come “Casabella”, “Abitare” e “Auto & Design” – e quotidiani; ha scritto numerosi libri, fra cui, “La luce italiana” (Electa, 2004), “Design anonimo in Italia. Oggetti comuni e progetto incognito” (Electa, 2007); “Food design in Italia. Il progetto del prodotto alimentare” (Electa, 2015), premiato con il Compasso d’oro ADI nel 2108; “Design contemporaneo. Istruzioni per l’uso” (Il Mulino, 2017).

PRODOTTI FINALISTI EDIZIONE 2023

Migliore lampada decorativa per uso contract

42

VITREO

ANDCOSTA

Si rimane affascinati dal colpo d’occhio “magnificente” creato dalla cascata di luce che crea un’atmosfera cromatica emozionante.
Coniuga avanzamento tecnologico con la memoria della tradizione vetraria, borosilicato e “cannettato”, con una emissione confortevole.

41

NASTRO SYSTEM

TOOY

43

KUGE

VETRART

44

SECRET

GLIP by SILE

45

I NINNOLI

PATRIZIA VOLPATO

PATROCINI

MAIN SPONSOR

DIGITAL MEDIA PARTNER

SCOPRI LE EDIZIONI PRECEDENTI